Luigi Sabbetti

Il mondo del web a 360 gradi

Long Tail Keywords

Long Tail Keywords


di // Pubblicato il: 1 maggio 2018

Se stai cercando in tutti i modi di posizionare meglio il tuo sito web sui motori di ricerca, allora questo articolo fa al caso tuo. Oggi parleremo della Long Tail KeywordsSi tratta di un argomento che sta molto a cuore ai SEO specialist e, continuando a leggere, potrai capire da solo il perché sia così importante.

Partiamo da un presupposto: nel web esistono davvero milioni di siti. Ogni sito web è composto da tantissime pagine. Capisci bene, dunque, che fare SEO al giorno d’oggi è diventato molto più complesso rispetto a qualche anno fa. Ricordo ancora quando cominciai a muovere i primi passi nel mondo del web: avevo 14 anni ed era il lontano 2003. I siti in circolazione era davvero pochissimi e, con veramente poco sforzo, potevi posizionarti in ottima posizione su Google per qualsiasi chiave di ricerca.

In fondo era semplice, bastava seguire dei semplici trucchetti, complice anche il fatto che agli albori del web Google non poteva di certo contare sugli algoritmi di ricerca che utilizza adesso. Ti bastava inserire la parola chiave con un H1, qualche bold in mezzo al testo, uno slug SEO friendly e il gioco era fatto.

I tempi sono cambiati, purtroppo, anche se, a dirla tutta, forse oggi fare SEO è più divertente. Arrivare tra i primi posti nelle SERP ti fa davvero sentire di aver fatto un buon lavoro, ti senti premiato da Google per il lavoro svolto e questo ti appaga.

Indice

Cos’è la Long Tail Keywords

Ho fatto questa premessa per farti capire che, al giorno d’oggi, bisogna giocare con una strategia diversa: ecco perché dobbiamo sfruttare al meglio la cosiddetta Long Tail Keywords ovvero la coda lunga di parole chiave.

Come ti dicevo prima, Google deve fare i conti con una marea di pagine e non è semplice arrivare tra i primi posti con una competizione così agguerrita. Considera poi che la prima pagina è molto spesso popolata da contenuti sponsorizzati con AdWords. Se il tuo sito è nato da poco, inoltre, farà davvero molta fatica a competere con siti web presenti già da anni e ben indicizzati, con una domain authority certamente più alta della tua ed un numero cospicuo di backlink autorevoli.

E’ proprio in questi casi che ci viene in aiuto la Long Tail Keywords SEO. La strategia, infatti, è quella di cercare di indicizzare il proprio sito su una serie di 3-4 parole. Sfruttando quindi delle parole chiave molto lunghe, avremo meno concorrenza e riusciremo a posizionarci meglio rispetto ad altri siti.

Sfruttare la coda lunga di parole chiave ha, ovviamente, pro e contro. Le parole chiave lunghe, infatti, vengono meno cercate. E’ facile immaginare, infatti, che nel Mondo migliaia di persone effettuano una ricerca sulla parola chiave “Hotel” mentre ci saranno decisamente meno ricerche per la parola chiave “Hotel in centro a Roma“.

Questo è normale, ma nel capitolo successivo ti mosterò, attraverso un esempio pratico, che questa peculiarità può essere girata a nostro favore.

Perché dovrei usare la Long Tail Keywords sul mio sito

Se hai letto il capitolo precedente, dovresti aver già capito l’importanza della coda lunghe di parole chiave e del perché dovresti utilizzarla al meglio all’interno del tuo sito. In questo capitolo, invece, voglio farti un esempio pratico che, sono certo, ti aprirà davvero gli occhi sull’importanza di utilizzare questa tecnica per la SEO del tuo sito.

Mettiamo il caso che tu sia il proprietario di una concessionaria di autovettura a marchio Toyota e vuoi, ovviamente, ottenere conversioni mediante il tuo sito web. Penserai, molto probabilmente, che sia importante che l’utente atterri sul tuo sito cercando su Google la parola chiave “Toyota”.

In realtà non è affatto così! L’utente che cerca la parola chiave “Toyota” non ha affatto le idee chiare e, nella maggior parte dei casi, non si trasformerà mai in un tuo cliente, anche se dovesse atterrare davvero sul tuo sito (cosa comunque molto improbabile).

L’utente che cerca Toyota, infatti, non è detto che sia interessato all’acquisto di un’autovettura, potrebbe cercare semplicemente informazioni sull’azienda Toyota, potrebbe essere alla ricerca di pezzi di ricambio per la sua Toyota, potrebbe essere curioso di conoscere gli ultimi modelli Toyota, ma non volervi affatto acquistare. Potrebbe, infine, trovarsi in un altro luogo geografico rispetto al tuo.

Insomma, l’utente che inserisce una sola parola chiave è un utente poco chiaro, non sappiamo cosa stia cercando e non è di lui che abbiamo bisogno.

Immagina ora che l’utente cerchi “Toyota Yaris prezzo usato“. Ora inizi a capire dove voglio arrivare?
L’utente che cerca questa parola chiave lo fa perché è interessato a comprare una Toyota Yaris usata. E’ questo il cliente giusto per la tua concessionaria ed è li che devi puntare!

Ovviamente le ricerca della semplice parola chiave “Toyota” saranno molte di più rispetto a quelle di “Toyota Yaris prezzo usato”, ma questo non importa. A te interessa la conversione e, nel secondo caso, avrai molte chances in più.

Come sfruttare al meglio la Long Tail Keywords

Scommetto che ora hai capito l’importanza della coda lunga di parole chiave e non vedi l’ora di utilizzarla nel tuo sito. Ti lascio quindi alcuni consigli per sfruttarla al meglio e, vedrai, in poco tempo vedrai i risultati.

Innanzitutto concentrati sempre su una media di 4-5 parole chiave, maggiore sarà il numero di parole e più semplice ti verrà raggiungere la vetta su Google. Non esagerare troppo però, altrimenti la tua keyword non verrà cercata da nessuno!

Io molto spesso utilizzo Google Suggest per capire al meglio quali sono le esigenze degli utenti che navigano online. Ti basta cercare un argomento su Google, alla fine della pagina troverai molti spunti utili e pronti all’uso messi a disposizione direttamente dal motore di ricerca.

Puoi usare, inoltre, Google Trends che, attraverso i suoi indicatori, ti aiuterà a capire quali sono i trend del momento.

Conclusioni

In un mercato sempre più competitivo, è molto difficile riuscire a raggiungere le prime posizioni di Google. Il consiglio è sempre quello di creare contenuti di qualità pensando prima di tutto al lettore finale. La SEO è una logica conseguenza della soddisfazione dell’utente finale. Non dimenticarlo e, se conosci altri metodi per sfruttare la Long Tail Keywords, scrivili pure nei commenti.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo!
[voti: 1 - Media voto: 5]

About Author

Mi chiamo Luigi Sabbetti e da circa dieci anni svolgo la professione di Web Designer. Profondamente amante della scrittura, mi piace condividere le mie conoscenze informatiche attraverso il mio sito web. Amo correre, guardare il mare e il buon cibo. Scopri di più nella mia