Luigi Sabbetti

Il mondo del web a 360 gradi

WordPress 5.0: quando uscirà e cosa aspettarsi


di // Pubblicato il: 4 agosto 2018

Ormai il grande giorno è quasi arrivato: il mondo sta per conoscere una nuova ed innovativa versione del CMS: stiamo parlando di WordPress 5.0.

Questa nuova versione, porterà con sè importanti novità. Si tratta, infatti, di una Major Realease, attesa già da diverso tempo. Sono diverse le novità di questa versione ma, la più importante, è rappresentata senza ombra di dubbio dal nuovo editor: Gutenberg.

Gutenberg, già disponibile al momento come plugin esterno, cambierà radicalmente il modo di inserire contenuti. L’obiettivo è quello di fornire all’utente la possibilità di andare oltre i contenuti semplici, come le solite tabelle, immagini e via discorrendo, dando all’utente la possibilità di creare veri e propri blocchi, pezzi di layout da poter all’occorrenza riutilizzare con semplicità. E’ quello, sostanzialmente, che al momento si può fare utilizzando plugin esterni e premium, come ad esempio il rinomato Visual Composer.

Vediamo assieme quali sono i pregi ed i difetti della nuova release di WordPress e, soprattutto, cerchiamo di capire assieme quando verrà rilasciata.

Indice

Quando uscirà il nuovo WordPress?

La domanda che tutti si pongono, giustamente, è quando uscirà il nuovo WordPress 5.0?. Tutti aspettano con ansia la data di rilascio di WordPress 5.0. Proviamo a dare una risposta a questo difficile quesito. Lo definisco difficile, poiché, in passato sono già state fornite diverse date di rilascio ma, almeno fino ad adesso, non sono state poi realmente rispettate da Matt Mullenweg ed il suo staff.

A fine 2017 si parlava di Marzo 2018, poi si è passati alla data di Giugno e adesso, invece, si vocifera Agosto. Ad ogni modo è difficile pensare che la nuova versione non venga rilasciata entro quest’anno. Da questo link, è possibile seguire la discussione degli sviluppatori del core, con le prossime date di meeting e le eventuali note di rilascio.

Si tratta di una Major Release ed è dunque normale che si riscontrino diversi bug da fixare, forse è proprio per questo che al giorno d’oggi siamo ancora costretti ad aspettare. In realtà, in questi giorni, si discute molto sulla questione Gutenberg e se sia giusto integrarlo all’interno del core oppure lasciarlo come plugin esterno e quindi dare la possibilità all’utente di scegliere in autonomia se utilizzarlo o meno. Degli aspetti legati a Gutenberg, parleremo più avanti nell’articolo. Per adesso l’importante è sapere che l’ultima data resa nota è del mese di Agosto, aspettiamo dunque fiduciosi!

Gutenberg: pregi e difetti

Se da un lato il nuovo editor promette di rivoluzionare il modo di creare contenuti, dall’altro, almeno per il momento, non è stato accolto positivamente dagli addetti ai lavori. Sembra, infatti, che il plugin esterno messo a disposizione al momento dagli sviluppatori, presenti diversi bug e risulti poco intuitivo per chi lo utilizza. In particolar modo, molti utenti, hanno riscontrato problemi nella gestione dei loro siti dando così una valutazione negativa al plugin. Ad oggi, il plugin raggiunge a stento una valutazione di 3 stelle, davvero poco per una funzione che dovrebbe far parte del core.

Gli utenti, nelle ultime ore, stanno chiedendo a gran voce di non integrare questa funzionalità all’interno del core di WordPress, vorrebbero sostanzialmente che Gutenberg rimanesse come plugin, in modo tale che sia il singolo utente a decire se utilizzarlo o meno. Chiaramente, come tutte le cose, Gutenberg, oltre ad avere dei difetti, ha anche qualche pregio.

Il nuovo editor, infatti, dovrebbe portare con sè diverse migliorie, tra le quali:

  • L’integrazione dei blocchi: una parte molto importante dell’editor che promette di creare interfacce grafiche accattivanti senza scrivere una riga di codice.
  • Una rivisitazione completa dell’interfaccia, in grado di semplificare l’inserimento dei contenuti da parte dell’utente.
  • La possibilità per i developer di creare dei blocchi premium da poter poi rivendere ed integrare attraverso degli shortcodes
  • Il concetto di blocchi dovrebbe dare il via alla possibilità di effettuare con semplicità modifiche importanti in termini di layout
  • Con il nuovo editor, infine, verranno risolti diversi bug relativi alle REST API

Vuoi testare Gutenberg senza installare plugin sul tuo sito? Online è disponibile una pratica live demo.

Retrocompatibilità

Lo scopo degli sviluppatori è quello di evitare possibili problemi per gli utenti finali, cercando di garantire un completo supporto di retrocompatibilità. C’è da dire, però, che è difficile fare in modo che ogni possibile plugin e tema presente sul mercato, si “adatti” completamente ad una nuova release di queste dimensioni. L’aggiornamento di WordPress potrebbe causare qualche malfunzionamento sul tuo sito e, di questo, nessuno si assumerà la responsabilità!

Prima di aggiornare, dunque, è buona norma (a prescindere dalla versione) effettuare un backup completo del proprio sito, in modo tale da poterlo facilmente ripristinare in caso di problemi. Come dicevo, comunque, la nuova release di WordPress porterà con sè il nuovo editor ed è plausibile che gli errori che riscontrerai si troveranno proprio in questa parte.

Se, ad esempio, hai inserito degli shortcode o hai utilizzato dei plugin per il vecchio editor, TinyMCE, il rischio aumenta. Il mio consiglio è quello di installare il plugin esterno di Gutenberg ed iniziare da subito a testare il sito e verificare che sia tutto ok.

Perché aggiornare WordPress?

Molti si staranno domandando, dopo tutte le varie premesse ed i possibili rischi del caso, se sia il caso di aggiornare WordPress alla versione 5.0. Fidatevi, il gioco vale la candela!

Il CMS deve essere sempre aggiornato, questo vi permetterà di evitare attacchi hacker, falle nel sistema di sicurezza e possibili bug futuri. Fate in modo di avere sempre WordPress aggiornato, se non avete toccato il core (cosa che mi auguro), gli aggiornamenti non dovrebbero mai stravolgere il vostro sito.

Per evitare che questo accada è necessario mantenere sempre un sito snello e pulito, evitare di installare plugin a casaccio che non fanno altro che sporcare il vostro database e diventare strade possibili da percorrere per un hacker. Creare un sito web non è semplice, farlo con WordPress può sembrare più facile, ma non è affatto così. Anche se non si è esperti del settore, infatti, bisogna prendere delle dovute precauzioni e, in caso di dubbi, rivolgersi ad un professionista senza indugiare.

Conclusioni

Non possiamo fermare il mondo: WordPress cambierà, non possiamo farci nulla. L’unica cosa che possiamo fare è farci trovare pronti e fare in modo che questo cambio sia il più indolore possibile. Vi lascio con una frase di Winston Churchill: “Non sempre cambiare equivale a migliorare, ma per migliorare bisogna cambiare.”.

Se hai altro da aggiungere, o conosci altri metodi per rendere più soft il passaggio a WordPress 5.0, scrivilo pure nei commenti.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo!
[voti: 1 - Media voto: 5]

About Author

Mi chiamo Luigi Sabbetti e da circa dieci anni svolgo la professione di Web Designer. Profondamente amante della scrittura, mi piace condividere le mie conoscenze informatiche attraverso il mio sito web. Amo correre, guardare il mare e il buon cibo. Scopri di più nella mia