Luigi Sabbetti

Growth Hacker: cosa fa e quanto guadagna


di // Pubblicato il: // Ultimo aggiornamento:

Ne avrai sicuramente sentito parlare, è tra le nuove figure professionali più chiacchierate del momento e di certo una fra quelle più pagate. Sto parlando del Growth Hacker, meglio conosciuto anche come “pirata della crescita”.

Si tratta di un esperto del settore marketing che ha come obiettivo principale quello di trascinare verso il successo un’azienda e di farla crescere in modo innovativo attraverso i vari canali social dopo aver pianificato nei dettagli una strategia di crescita digitale a 360 gradi.

Cosa? Questa nuova figura lavorativa ti interessa e vorresti saperne di più? Nessun problema, in questo articolo ti spiegherò per filo e per segno cosa fa un Growth Hacker, ma non solo. Vedremo assieme quanto guadagna un Growth Hacker e capiremo quale potrebbe essere un possibile stipendio congruo per questo tipo di professionista.

Le nuove professioni, ancora viste con diffidenza da chi si ostina a portare avanti la “vecchia scuola” del mondo del lavoro, sono un vero e proprio alleato per chi punta a far decollare la propria attività ma non ha gli strumenti necessari per farlo.

Per questo motivo, figure come SEO copywriter, social media manager, Web designer e simili sono fondamentali per chi vuole curare una campagna di comunicazione valida e al passo con i tempi. Il Growth Hacker a differenza delle figure nominate prima, è ancora poco conosciuto in Europa ma nella Silicon Valley è sicuramente una delle più ricercate (e anche delle più pagate!).

Continua a leggere questo articolo per scoprirne di più, chissà potrebbe affascinarti il mondo del Growth Hacking e potrebbe venirti voglia di lanciarti in una nuova sfida lavorativa. Dedica ai prossimi paragrafi di questa guida una manciata di minuti del tuo tempo libero, mettiti comodo e preparati una buona tazza di caffè nero bollente. Bene, non mi resta che augurarti buona lettura!

Indice dei contenuti

Chi è un Growth Hacker

Il Growth Hacker, come ti ho anticipato qualche riga più su, è una nuova figura lavorativa conosciuta anche come “pirata della crescita” che opera una ricerca mirata e dettagliata sui principali canali di marketing per trovare il modo più efficace per far decollare il business di un’azienda.

Il mondo digital, come di certo saprai, è in continua evoluzione e ogni giorno dobbiamo stare al passo con i tempi e soprattutto con le ultime novità. In questa continua altalena – si mi piace pensare all’universo digitale come ad un parcogiochi – ci sono professioni che nascono e altre che vengono sostituite fino a scomparire.

Il Growth Hacker punta alla vetta di un processo di marketing rivolto a 360 gradi ad una data azienda. Immaginiamo di trovarci davanti ad una montagna, il Growth Hacker è un abile scalatore che conosce tutti i punti strategici e ha maturato esperienza. Il suo obiettivo è quello di raggiungere la cima, poco importa se durante il percorso dovrà scegliere percorsi poco convenzionali.

Ok tralasciamo le metafore e parliamo in modo pratico. Il Growth Hacker non è altro che un professionista specializzato in marketing che seguendo strade alternative mira a raggiungere il suo obiettivo supportando la crescita di liberi professionisti e aziende. Non a caso il termine inglese growth significa proprio crescita e hacker indica un esperto informatico che riesce a “forzare” i sistemi informatici di privati e imprese.

Cosa fa un Growth Hacker

Il “pirata della crescita” è una figura richiestissima che aiuta l’azienda nel suo processo di crescita a budget ridotti, per questo motivo le sue conoscenze e competenze abbracciano diversi ambiti. Marketing, programmazione, organizzazione, Social marketing, content creating, SEO, SEM, blogging, analisi statistica dei dati e delle strategie di Web marketing. Questo è il pane quotidiano di un Growth Hacker.

Questa nuova figura, come un vero e proprio consulente, coordina le attività del team in cui opera e si propone di delineare la giusta strada da seguire per far crescere un servizio o un’azienda. Analizza e monitora i dati, studia le mosse necessarie affinchè si possano raggiungere risultati validi e rapidi.

Come avrai notato leggendo il paragrafo precedente, le mansioni del Growth Hacker sembrano ricordare (ovviamente e non a caso ho utilizzato il verbo “sembrare”) quelle di un consulente di marketing ma il compito di questa nuova figura professionale è molto più trasversale.

Ricapitolando, dunque, ecco quali sono le principali mansioni di un Growth Hacker:

  • Sviluppare al meglio i canali social aziendali
  • Favorire la crescita organica del traffico mantenendo una bassa spesa
  • Pianificare al meglio un percorso di crescita efficace
  • Aumentare la brand awareness dell’azienda
  • Migliorare la percezione esterna dell’immagine aziendale
  • Analizzare i dati e portare risultati tangibili e facilmente misurabili

Quanto guadagna un Growth Hacker

Una domanda sorge spontanea, quanto guadagna un Growth Hacker e quale può essere un giusto stipendio del Growth Hacker? Quella di cui ti sto parlando in questo articolo, attualmente, può essere considerata senza dubbio una tra le professioni più pagate al mondo. Proprio così. Il guadagno di un Growth Hacker si aggira indicativamente tra i 25mila e i 170mila euro all’anno a seconda che il professionista operi da freelance o da dipendente assunto in un’azienda come junior o senior.

L’aspetto retributivo come in tutte le professioni non è assolutamente da sottovalutare. In questo caso, siamo di fronte ad un lavoro che viene svolto da un professionista spesso richiesto dall’esterno del team che opera già in azienda. Il suo contributo come collaboratore esterno – evidentemente essenziale per la crescita del business – richiede un giusto compenso che può arrivare a cifre con diversi zeri.

Il fatto di essere una figura ancora nuova fa in modo che trovarla non è sempre facile. Di conseguenza, assumere un Growth Hacker per quanto possa essere vantaggioso presenta ovviamente i suoi costi. In Italia lo stipendio è più basso rispetto a quello percepito da questo genere di professionisti oltreoceano.

In linea generale va considerata la sua importante posizione nel processo di crescita del business di una realtà individuale o aziendale. Non è matematicamente testato che i suoi studi e le sue ricerche portino ad un effettivo risultato certo, ma questo accade nel marketing, si sa. Da qui un consiglio che mi sento di dare spontaneamente, quando si richiede l’intervento di questi particolari professionisti si deve pensare ad un vero e proprio investimento per la propria azienda e non ad una spesa.

Come diventare un Growth Hacker

Se consideri che questo possa essere il lavoro dei tuoi sogni, allora forse a questo punto ti starai domandando come diventare un Growth Hacker e quale sia il percorso di studi migliore da seguire per intraprendere questa nuova professione.

Parto subito con il dirti che non esiste un vero e proprio indirizzo scolastico o universitario che ti permetta di conseguire una qualifica in tal senso. Il Growth Hacker, tuttavia, è una persona con una buona preparazione in discipline informatiche ed economiche, in grado anche di coinvolgere il pubblico attraverso i canali social attraverso una buona dialettica.

Una figura, quindi, che racchiude al suo interno diverse discipline. Probabilmente il percorso di studi più indicato è quello di tipo scientifico con conseguente laurea in una disciplina economica o informatica. Successivamente potrai approfondire i diversi aspetti legati ai social media, alla statistica e alla comunicazione.

La figura del Growth Hacker, come ti dicevo è decisamente particolare, ecco perché spesso viene scelta all’interno dell’organico già presente in azienda.

Conclusioni

In questo articolo ti ho parlato di una delle nuove figure professionali più pagate oltreocenano di cui si sta iniziando a sentire parlare anche da noi, quella del cosiddetto Growth Hacker conosciuto più semplicemente anche come “pirata della crescita”. Nei paragrafi precedenti, infatti, ho provato a spiegarti chi è, cosa fa e quanto guadagna un Growht Hacker.

Come avrai capito leggendo, si tratta di una figura del tutto nuova nel mondo del lavoro e spesso ancora poco inquadrata. Questo professionista mastica quotidianamente nozioni di marketing digitale ma non solo e la sua capacità di muoversi su più ambiti – con le relative competenze acquisite – gli permette di raggiungere anche un’importante rilevanza economica.

Quella di cui ti ho parlato in questo articolo è sicuramente una figura innovativa del mondo del marketing, un professionista a tutto tondo che mette la sua esperienza e le sua capacità al servizio del cliente per far crescere il business di quest’ultimo.

Spero di averti fornito in questo articolo tutte le informazioni che stavi cercando. Per qualsiasi dubbio non esitare a scrivermi per chiedermi chiarimenti e delucidazioni. Sono qui sempre pronto a darti una mano e sarò felice di rispondere alle tue domande.


Vuoi restare aggiornato sul mondo del web? Iscriviti alla newsletter!