Luigi Sabbetti

Il mondo del web a 360 gradi

Redirect 301 Wordpress

Redirect 301 WordPress


di // Pubblicato il: 24 aprile 2018

Se stai leggendo questa guida è perché, molto probabilmente, vuoi conoscere come effettuare un redirect 301 WordPress. Oggi vedremo assieme a cosa serve questo tipo di redirect, quali differenze ci sono con quello di tipo 302, come effettuarlo correttamente e, soprattutto, quali sono i benefici nell’effettuarlo.

Perché effettuare un redirect 301

Partiamo dal presupposto che, questa pratica, non è valida soltanto sul nostro CMS preferito. Il codice 301 è semplicemente uno status code del protocollo http, cosi come il 404, il 500, il 302, il 202 e via discorrendo. In passato abbiamo già parlato degli status code, precismente nella guida su come risolvere l’errore 500 WordPress.
Se sei un appassionato di SEO, allora avrai sicuramente sentito parlare più volte dei redirect 301 e della loro importanza nel posizionamento sui motori di ricerca di un sito web. Come ti dicevo, però, esistono anche altri tipi di redirect, precisamente il 302 e il 307, tuttavia il più importante rimane il 301. Questo tipo di redirect viene utilizzato quando una pagina del nostro sito, oppure un semplice articolo, cambiano posizione. Di conseguenza varia l’URL della nostra risorsa e, se non avvisiamo i motori di ricerca attraverso un reindirizzamento all’url corretto della pagina, incomberemo in un errore 404. Il browser, infatti, non sarà più capace di accedere alla risorsa e restituirà come status code il 404.

Gli errori 404, infatti, rappresentano un vero e proprio pericolo per la nostra SEO in quanto penalizzano pesantemente il posizionamento. Con il redirect 301 andremo ad informare browser e motori di ricerca che la nostra pagina esiste, ma ha cambiato semplicemente locazione. Così facendo, avremo un doppio vantaggio, non solo eviteremo il verificarsi dell’errore 404, ma riusciremo anche a mantenere gli eventuali backlink alla nostra pagina e il traffico già generato.

Il redirect 301 è quello più utilizzato poiché si tratta di un redirect detto permanente. Questo vuol dire che la nostra risorsa ha definitivamente cambiato url e non tornerà più nella sua posizione iniziale. Il redirect 302, invece, è un reindirizzamento momentaneo. Può capitare, infatti, che alcune risorse cambino url per poi ritornare a quella originale.
Il concetto di redirect 307, infine, è un pò più difficile da cogliore. In questo caso, la richiesta dovrebbe essere ripetuta con un altro URI. Tuttavia, le richeste future, dovrebbero usare ancora l’URI originale. Ad esempio una richiesta fatta in POST dovrebbe essere ripetuta esando un’altra richiesta POST.

WordPress e Redirect 301: come effettuarlo

Ora che hai capito l’importanza dei redirect 301, possiamo vedere assieme come effettuarlo correttamente sul tuo sito WordPress. Se non sei un esperto di codice, ti consiglio di utilizzare uno dei molti plugin che si occupano di questo task al tuo posto. Il primo della lista è senza dubbio il pratico e semplice redirection.

Redirection è un plugin davvero molto semplice da utilizzare, per prima cosa installalo scaricandolo dalla directory di WordPress o cercandolo direttamente dal backend del tuo WordPress sezione Plugins->Aggiungi Nuovo.
Una volta completata l’installazione del plugin raggiungi la sezione Strumenti->Redirection.

Come potrai constatare tu stesso, il plugin è molto intuitivo e ti basterà utilizzare semplicemente la prima tab (redirect) per effettuare un redirect 301 WordPress. Nella parte in basso troverai la sezione chiamata “Add New Redirection”. Qui non dovrai fare altro che inserire il vecchio url all’interno del campo source url. Nel campo target url, invece, dovrai inserire l’url di destinazione. Non ti resta che salvare e provare tu stesso, attraverso il browser, a raggiungere il vecchio url per vedere se effettivamente avviene il redirect.

Reputo che redirection sia il miglior plugin per effettuare questo task e, quindi, mi limito solo a citarti altri due plugins similari: Simple 301 Redirects e Page Links to.

Redirect 301 via htaccess

Se non sei un amante dei plugin, ti consiglio di effettuare i redirect a mano, direttamente tramite codice. Vedrai che è davvero molto semplice ed eviterai così l’installazione di un plugin in più all’interno del tuo sito.
Esistono diversi tipi di situazioni nelle quali potresti trovarti, cercherò di presentarti un possibile ventaglio di soluzioni.

Redirect 301 htaccess intero sito

Potresti avere bisogno di reindirizzare tutto il tuo sito, in modo permanente, da un vecchio dominio verso uno nuovo. In questo caso, sono sicuro, non vorrai perdere l’indicizzazione ottenuta dal vecchio dominio nel corso degli anni. Dovrai quindi andare a modificare l’htaccess presente nella root principale del tuo vecchio dominio e, alla fine del file, inserire quanto segue:

Options +FollowSymLinks
RewriteEngine on
RewriteRule (.*) http://www.nuovodominio.it/$1 [R=301,L]

Redirect 301 htaccess da non www a www

Forse non ci avrai mai fatto caso ma, molto probabilmente, il tuo sito è raggiungibile sia digitando nel browser http:www.tuodominio.com che con http://tuodominio.com
Dovresti cercare di evitare questa pratica e scegliere un solo url canonico. Io ti consiglio di usare il www. Di conseguenza dovrai ridirigere tutto il traffico proveniente da non www a www. Per farlo apri sempre il file .htaccess e inserisci, in fondo al file, le seguenti righe:


Options +FollowSymLinks
RewriteEngine On
RewriteBase /
RewriteCond %{HTTP_HOST} !^www\.dominio\.it$ RewriteRule ^(.*)$ http://www.dominio.it/$1 [R=301,L]

Redirect 301 di un singolo URL

Analizziamo ora l’ultima casistica, quella che abbiamo affrontato con il plugin redirection. Capita spesso, infatti, che hai bisogno di reindirizzare un singolo url. Per farlo tramite htaccess dovrai inserire le seguenti righe di codice, ovviamente una per ogni singolo reindirizzamento.


Options +FollowSymLinks
RewriteEngine on
Redirect 301 /vecchio-url.html http://www.dominio.it/nuovo-url.html

Conclusioni

Ora conosci tutti i possibili metodi per effettuare correttamente un redirect 301 con WordPress. Gli ultimi consigli che mi sento di darti: non esagerare con i redirect potresti generare pericolosi loop ed errori 500, se hai bisogno una mano rivolgiti ad un esperto del settore, non installare troppi plugin sul tuo sito WordPress.
Se conosci altri metodi per effettuare dei redirect 301, scrivi pure nei commenti!

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo!
[voti: 1 - Media voto: 5]

About Author

Mi chiamo Luigi Sabbetti e da circa dieci anni svolgo la professione di Web Designer. Profondamente amante della scrittura, mi piace condividere le mie conoscenze informatiche attraverso il mio sito web. Amo correre, guardare il mare e il buon cibo. Scopri di più nella mia