Luigi Sabbetti

Il mondo del web a 360 gradi

Viuky bot instagram come funziona prezzo

Viky: come funziona il bot instagram del momento


di // Pubblicato il: 31 Maggio 2019

Chi non vorrebbe essere un influencer! Già, ma diventarlo non è affatto semplice. Oggi vedremo assieme come funziona Viky, un bot instagram che permette di aumentare facilmente il numero di like e follower.

In un altro articolo, infatti, abbiamo visto assieme una lista di bot instagram molto nutrita. Non solo, ho cercato poi di rivelarvi tutti le strategie che personalmente metto in campo per aumentare il numero di follower su instragam.

Oggi scenderemo nel dettaglio, andando ad analizzare da vicino quella che ritengo essere, al momento, la soluzione più affidabile per crescere velocemente su Instagram. Un tempo, infatti, vi era Instagress, un bot molto apprezzato dagli utenti italiani. Purtroppo, di recente, ha dovuto chiudere i battenti e gli utenti hanno subito cercato di sostituirlo al meglio.

Sono nate, negli ultimi tempi, diverse soluzioni analoghe. Alcune di queste svolgono bene il loro lavoro, altre direi che si sono rivelate un flop. Ho cercato di analizzarle tutte, o quasi, e fornirvi, dati alla mano, le mie impressioni.

Ti ricordo comunque che l’utilizzo di un bot è molto soggettivo. Ciò che è giusto per il mio business, non è detto che lo sia anche per il tuo. Oltre questo, va aggiunto che i bot, per funzionare al meglio, devono essere configurati in un determinato modo. Nulla vi è regalato e, come ben sappiamo, queste metodologie non fanno altro che darvi una mano, ma il lavoro più grosso è nelle vostre mani.

Indice

Perché dovrei usare un bot?

La prima domanda che, molto probabilmente, ti starai ponendo è perché dovresti utilizzare un bot per instagram. La domanda è lecita ed è giusto che tu te la ponga. Utilizzare un bot potrebbe essere visto come “barare”. In realtà non è così e ti spiego il perché.

Un bot non è altro che un’automa, un robot che agirà secondo tue precise direttive. Il tuo successo continuerà a dipendere dai contenuti che sarai in grado di proporre alla tua nicchia di mercato, all’interazione che riuscirai a generare,, alla tua bravura nel saper soprattutto mantenere i follower (oltre che acquisirli), alla tua capacità di coltivare la tua community di riferimento e molto altro ancora.

Non pensare, dunque, che mettendo dei soldi sul tavolo e acquistando un bot che faccia il lavoro al posto tuo, ti assicurerai una crescita costante ed efficace senza fare nulla. Il successo continua a passare dalle tue mani.

I limiti di instagram

Instagram, come è giusto che sia, tende a scoraggiare comportamenti che possano andare contro la community. Un social network è un programma che consente sostanzialmente di mettere in contatto le persone, i bot non dovrebbero essere previsti in questa logica.

La cosa che dovrai sicuramente evitare di fare, è quella di sovraccaricare di lavoro il tuo nuovo piccolo aiutante. Viky, per fortuna, ti permette di settare degli orari di inattività. Potresti impostarli nelle ore notturne, in modo tale da aggirare facilmente i limiti di instagram.

Fai attenzione, infatti. Io stesso, all’inizio, ero solito lasciare costantemente commenti e like manualmente, in più utilizzavo un bot. Questa pratica massiva ed intrusiva, mi è costata un blocco di 24 ore. Niente di irreparabile, sia chiaro, ma è sempre meglio evitare, anche perché otterresti l’effetto contrario.

Setta gli orari di riposo del bot con cura, in base al tuo mercato di riferimento. Fai in modo che interagisca con il tuo pubblico negli orari più “caldi” della giornata.

Viky: una breve panoramica

Ma arriviamo all’argomento di discussione del giorno: il bot che sto utilizzando in queste settimane e che mi sento di consigliare. Sinceramente non ricordo come sono venuto a conoscenza di Viky. Probabilmente ho cliccato su una delle tante pubblicità, oppure, più probabilmente, sono capitato su qualche articolo che elencava una lista di programmi da utilizzare per raggiungere questo scopo.

Ad ogni modo, a differenza degli altri che ho utilizzato in passato, ho trovato questo bot molto facile ed intuitivo. L’interfaccia è pulita e lineare, non sovraccarica l’utente di numerose informazioni, tutto si trova esattamente dove dovrebbe essere e questo mi ha da subito rassicurato. Si tratta di un bot sviluppato dalla Inochi S.r.l, una società con sede a Milano.

Se c’è una cosa che odio, infatti, è dover cercare di intuire le cose da solo, smanettando e perdendo tempo prezioso con complessi settaggi. Con Viky, per fortuna, non ho avuto affatto questo problema, anzi, mi è sembrato tutto molto naturale.

In pratica non ho fatto altro che impostare il mio target di riferimento, impostando dei profili simili ai miei e degli hashtag che identificavano degli argomenti che io stesso avevo trattato in precedenza.

Il bot, successivamente, mi ha restituito dei dati interessanti, facendomi capire come affinare il mio target e il tasso di conversione basato su quello che io stesso avevo scelto in precedenza.

Una delle funzionalità che ho amato di più, è sicuramente quella denominata Clean Feed. Per ottenere una crescita, infatti, sei molto spesso costretto a followare ed unfolloware le persone. Questo, però, va a sporcare il tuo feed, rendendolo quasi ingestibile. Il bot, però, ha pensato anche a questo. Abilitando questa funzione potrai per l’appunto ottenere un feed pulito e visualizzare i contenuti solo delle persone che hanno ricambiato il tuo follow.

Ecco quindi alcuni pregi che mi sento di elencare brevemente:

  • Facilità di utilizzo da parte dell’utente
  • Varie fasce di prezzo: adattate a tutte le tasche
  • Facilità nell’impostare un target di riferimento
  • Scelta della velocità di like e follow/unfollow
  • Modalità di riposo
  • Clean Feed

Quanto costa Viky

Ok, tutto fantastico…ma i costi? Si sa, ci troviamo in un mercato molto competitivo e, prima di scegliere, è giusto che tu ti chieda quale sia il prezzo del bot Viky. Andiamo a vedere assieme le diverse fasce di prezzo messe a disposizione

  • Fast 14,95€ al mese
  • Turbo 24,95€ al mese
  • Extreme 34,95€ al mese
  • Pro 44,95€ al mese
  • Managed 89,95€ al mese

Come vedi, si parte da soli 14,95 a salire. Vediamo nel dettaglio cosa offre ogni piano. Per i dettagli completi, ad ogni modo, ti rimando al sito ufficiale, anche perché potrebbero cambiare nel corso del tempo e voglio evitarti spiacevoli sorprese.

Fast

Il piano fast è sicuramente quello più economico tra quelli offerti, oltre ad essere uno dei più economici del mercato. Con questo piano avrai la possibilità di: followare/unfolloware profili, mettere like in automatico ai post, avere a disposizione una blacklist ed una whitelist e poter misurare le prestazioni grazie ai report.

Power

Il piano power ti permette di avere tutte le funzionalità di quello fast con la possibilità di eseguire le operazioni molto più velocemente. Eseguire operazioni velocemente, infatti, vuol dire generare maggiore interazione e, potenzialmente, più like. Questo piano, inoltre, contiene al suo interno la funzione clean feed di cui ti parlavo prima.

Extreme

Il piano extreme fornisce tutte le funzionalità del piano Power, con la differenza che la velocità raddoppia rispetto a quella che puoi ottenere con il piano fast.

Pro

Con il Pro si inizia a fare sul serio. Io ho provato questo, dopo una prova gratuita di 5 giorni, e devo dire che i risultati sono stati eccellenti. Come puoi vedere dallo screen in figura, infatti, ho ottenuto circa 2000 like in un mese e, considerando che ho effettuato davvero poche azioni manuali e postato pochissimi contenuti, lo reputo un ottimo risultato.

Viky bot instagram
Il mio account su Viky

Questo piano, infatti, ti da la possibilità di impostare i messaggi privati da inviare ai nuovi follower. Un ottimo modo, questo, per sponsorizzare i tuoi contenuti esterni ad Instagram. Molti, infatti, utilizzano instagram come canale da sfruttare per cercare di rimandare gli utenti finali a siti terzi. Se, per esempio, hai un e-commerce, potresti utilizzare questa interessante funzionalità per aumentare il tuo tasso di conversione, proponendo i tuoi prodotti a chi ha deciso di seguirti su IG.

Con questo piano, inoltre, avrai a disposizione il report dei migliori engagers che sono, sostanzialmente, i target che hanno fruttato di più. Analizzandoli potrai apprendere i loro segreti e soprattutto “aggiustare il tiro” andando a rimuovere i segmenti che non hanno generato interazione o nuovi follower per il tuo profilo.

Managed

Il piano managed, come dice la parola stessa, prevede l’aiuto da parte del team stesso che ha realizzato il bot. Questo piano è quello che sicuramente garantisce la migliore crescita poiché il tuo profili verrà sottoposto ad un’analisi approfondita.

Il prezzo, chiaramente, è abbastanza elevato. Ti consiglierei, dunque, di iniziare con un piano basic e, soprattutto, sfruttare i 5 giorni di prova gratuita messi a disposizione. Al termine di questi potrai decidere tranquillamente se proseguire o meno.

Ti ripeto, infatti, che l’utilizzo del bot è molto soggettivo e non è detto che questo faccia al tuo caso.

Come configurare Viky

Passiamo alle configurazioni. Come ti dicevo, configurare il programma è molto semplice. Dalla voce di menù target, hai la possibilità di scegliere tra:

  • Profili
  • Hashtag
  • Luoghi

Non è detto che tu debba utilizzarli tutti: dipende dal tuo business. Se possiedi un negozio fisico a Novara, probabilmente dovrai impostare come luogo di riferimento la tua città, se invece ti occupi di shopping online non avrai bisogno di impostare un luogo specifico.

Il target di riferimento
Il target di riferimento

E’ tutto molto relativo e dipende dal pubblico a cui ti rivolgi. Io, ad esempio, sto utilizzando il bot per una pagina instagram di ricette. Dalla sezione profili, dunque, ho inserito 100 profili affini a ciò che propongo.

Ho inserito i nutrizionisti, i ristoranti, altri profili che propongono ricette, insomma profili i cui follower sono probabilmente interessati anche ai miei contenuti. La stessa cosa l’ho fatta per gli hashtag, andando ad inserire tutti quei tag che solitamente accompagnano foto di ricette.

In 5 minuti, insomma, il target di riferimento era pronto. Il bot ti consiglia, inoltre, di non inserire dei profili che hanno troppi followare, ma di restare basso poiché sono proprio quelli con meno di 10000 seguaci a rendere di più.

Ora che il target di riferimento è pronto, puoi passare ai settaggi, ai quali puoi accedere tramite il menù impostazioni posto in alto.

impostazioni bot viky
impostazioni bot viky

Anche qui le impostazioni sono molto soggettive, ma mi sento di elencarti quelle che ho utilizzato io, poiché ho ottenuto buoni risultati e ci ho smanettato parecchio per sistemarle per bene.

  • Segui solo profili con immagine
  • Non limitarti ai profili business
  • Segui profili che tendenzialmente hanno dai 250 ai 10000 follower
  • Rispetta gli orari di riposo del bot
  • Usa il Clean Feed
  • Imposta la velocità delle operazioni al massimo

Analisi dei risultati ottenuti e proiezioni

Ora che hai impostato il tuo bot, non dovrai fare altro che aspettare e monitorare i dati. Dalla sezione attività, avrai modo di analizzare nel dettaglio tutte le operazioni che l’automa sta svolgendo al posto tuo.

Esempio di azioni svolte
Esempio di azioni svolte

Nei report, invece, avrai la possibilità di guardare con mano ciò che il bot ha prodotto. Potrai, infatti, visualizzare giorno per giorno il numero di nuovi follower ottenuti. Qui potrai vedere quali sono i profili e gli hashtag che hanno risposto meglio e di conseguenza andare ad affinare giornalmente il tuo target per accrescere il tuo tasso di conversione.

Conclusioni

Come abbiamo visto, questo è un modo che consente velocemente di acquisire nuovi follower su instagram, ricorda però che nessun metodo è infallibile e, alla base di tutto, ci sono sempre i tuoi contenuti.

Non commettere l’errore di affidarti al 100% ad una macchina. Fatti aiutare, ma senza esagerare. Anche perché immagino che la tua sia anche una passione e, se fa tutto il bot, che piacere ti rimane?

About Author

Mi chiamo Luigi Sabbetti e da circa dieci anni svolgo la professione di Web Designer. Profondamente amante della scrittura, mi piace condividere conoscenze informatiche attraverso il mio sito web. Amo correre e guardare il mare.