Luigi Sabbetti

Il mondo del web a 360 gradi

mailchimp alternative competitor

Mailchimp alternative: 3 validi competitor


di // Pubblicato il: 10 Aprile 2019

Le newsletter rappresentano uno strumento importantissimo per la promozione online della nostra attività. Nell’articolo di oggi, Mailchimp Alternative , andremo ad analizzare assieme quali sono i competitor del colosso delle newsletter online.

Ho definito Mailchimp colosso perché, senza dubbio, rappresenta ad oggi il programma più utilizzato al mondo per effettuare questo tipo di operazioni. Si conta, infatti, che ogni giorno vengano inviate milioni di email dai server di Mailchimp. Si tratta senza dubbio di un servizio affidabile ed altamente professionale.

Tuttavia, nel corso degli anni, sono nati competitor che permettono di effettuare, bene o male, le stesse operazioni. Alcuni di questi sono anche più economici, ecco perché è senza dubbio essenziale guardarsi intorno ed avere una panoramica completa sui software di newsletter marketing.

Indice

Perché scegliere Mailchimp

Per prima cosa, andiamo a conoscere meglio Mailchimp e cerchiamo di capire assieme perché sia leader di mercato. La società a capo di Mailchimp fu fondata nel 2001 da tre ragazzi Ben Chestnut, Mark Armstrong, Dan Kurzius. Il modello di business gratuito, si trasformò ben presto in freemium. Sostanzialmente Mailchimp è gratuito per un numero massimo di utilizzi, nella fattispecie di mail inviate.

Ma quali sono questi limiti? Attraverso Mailchimp è possibile inviare 12.000 mail al mese gratuitamente e, in ogni caso, il limite è di 2000 contatti. Nel footer della mail, inoltre, è sempre presente l’immagine della scimmietta, logo del software di mail marketing.

Per agirare questi limiti, saremo costretti, per forza di cose, a pagare. Ma quanto costa Mailchimp?. Non tantissimo a dire il vero, si parte infatti da 10 dollari al mese. Tutto dipende dall’effettivo numero di mail che andrete ad inviare. Per i dettagli sui costi, potete consultare la pagina dedicata alla Pricing di Mailchimp.

Mailchimp è considerato da molti lo strumento più avanzato e semplice per realizzare campagne di mail marketing. Ad onor del vero, infatti, è dotato di un tool molto semplice che ci permette di stilizzare le nostre newsletter senza dover mettere mano al codice sorgente. Si tratta di uno strumento valido anche per i web designer, permette infatti di genere codice compatibile con praticamente tutti i client di posta elettronica.

E’ vero anche, però, che il codice sorgente generato, proprio per via della grande flessibilità del composer, appare decisamente sporco.

Oltre a fornirci strumenti per la creazione delle mail, Mailchimp consente di monitorare le statistiche in modo dettagliato. Saremo sempre in grado di capire quanti utenti hanno effettivamente letto ed aperto la nostra mail. Mailchimp fornisce inoltre una pratica integrazione con Google Analytics.

Un altro punto a favore di Mailchimp è senz’altro la possibilità di poterlo integrare facilmente in qualsiasi tipo di sito, anche quelli WordPress tramite appositi plugin per newsletter. Attraverso le API, infatti, i nostri utenti potranno iscriversi alla newsletter tramite una form presente sul sito e finire direttamente nelle liste di Mailchimp.

SendinBlue

Uno dei competitor migliori è senza dubbio SendinBlue. Ma cosa offre in più rispetto a Mailchimp?

Per prima cosa si tratta di un società francese, con server localizzati fisicamente in Francia e questo è di sicuro un punto a favore per gli utenti situati in Europa. Con Sendinblue non avrete limiti di contatti, pagherete soltanto per le mail effettivamente inviate. Avrete ogni mese ben 9.000 invii gratuiti, effettuati con IP dedicato, di conseguenza il rischio di finire in spam è minimo.

I costi, poi, sono decisamente più contenuti rispetto a Mailchimp. Di seguito vi riporto alcuni esempi messi a disposizione dalla stessa SendinBlue.

Inviare una newsletter mensile a 5.000 contatti, con Mailchimp vi costerebbe 38€, con SendinBlue, invece, paghereste soltanto 19€, praticamente la metà!

Ma è su invii massivi che la differenza è notevole. Per l’invio di 3 campagne, ad esempio, a 20.000 contatti ogni mese con Mailchimp paghereste 114€ mentre con SendinBlue solo 29€!

Anche SendinBlue, inoltre, offre la possibilità di stilizzare le vostre newsletter in modo molto semplice ed esistono diversi plugin per WordPress, Magento e Prestashop che permettono a chiunque di integrarlo con semplicità in un sito web. Ultima, ma non ultima, la possibilità di effettuare non solo campagne mail, ma anche SMS.

Uno strumento che andrebbe senza dubbio approfondito!

Emma

Un altro strumento molto interessante è Emma. Si tratta di un strumento di mail marketing completo, dotato di un ottimo composer, statistiche avanzate, test A/B e molto altro ancora.

La grafica accattivante e la sua facilità di utilizzo lo rendono ideale per gestire qualsiasi tipo di business. Si tratta però, di un programma enterprise di un certo livello e ciò comporta anche dei costi decisamente alti.

Il piano più economico, il PRO, costa ben 89 dollari al mese, con pagamento annuale. Una spesa che non tutte le piccole media imprese possono permettersi. Prendete, dunque, in considerazione Emma se il vostro core business aziendale è quello delle newsletter.

GetResponse

L’ultimo strumento che vado a presentarti si chiama GetResponse. Questo strumento sta velocemente prendendo piede, grazie soprattutto alla sua facilità di personalizzazione. GetResponse permette di scegliere tra oltre 500 template già stilizzati, ideale per chi ama spaziare e cambiare spesso stili delle mail.

GetResponse offre inoltre la possibilità di utilizzare risponditori automatici e fornice strumenti di analisi precisi e dettagliati.

I prezzi variano di molto da un pacchetto all’altro. Si parte con un piano basic da soli 12 euro al mese, fino ad arrivare ad un piano enterprise da oltre 1.000 euro al mese. A questo link è presente un’analisi comporativa dei prezzi.

Conclusioni

Come abbiamo visto, esistono diversi strumenti che ci permettono di effettuare mail marketing al meglio. Ricorda: non esagerare troppo con le mail, nessuno ama avere la posta intasata!

Se conosci altri strumenti validi per l’invio e la gestione delle newsletter, scrivimeli pure e sarò lieto di aggiungerli a qusta lista.

About Author

Mi chiamo Luigi Sabbetti e da circa dieci anni svolgo la professione di Web Designer. Profondamente amante della scrittura, mi piace condividere conoscenze informatiche attraverso il mio sito web. Amo correre e guardare il mare.